In caso di pignoramento di un conto cointestato richiesto dal creditore di uno dei cointestatari la banca procede a bloccare l’intero conto, sia che si tratti di un conto a firme disgiunte che a firme congiunte e avverte subito tutti i cointestatari.

Tutte le operazioni in uscita disposte dopo il pignoramento nonché quelle disposte prima del pignoramento e pervenute successivamente resteranno inevase con eventuale protesto di assegni emessi anche da cointestatari diversi dal debitore pignorato.

Nel caso il saldo del conto sia superiore al debito che ha dato luogo al pignoramento, la differenza potrà essere accreditata su nuovi conti intestati ai cointestatari non debitori.

Altri Temi sul Conto Cointestato

Approfondimenti sul Conto Corrente

Schede correlate: